• Home
  • News
  • Privacy: istruzioni operative sulle attività del Data Protection Officer

Privacy: istruzioni operative sulle attività del Data Protection Officer

  • di Michele Iaselli, avvocato - componente della Commissione di valutazione di ANORC Professioni

Privacy: istruzioni operative sulle attività del Data Protection Officer
Giovedì, 13 Luglio 2017

L'introduzione del DPO (Data Protection Officer) non costituisce una novità assoluta, la direttiva 95/46/CE non prevedeva alcun obbligo di nomina, ma in molti Stati membri questa figura è divenuta ordinaria nel corso degli anni. Con l’avvicinarsi del 25 maggio 2018, data della piena applicazione del Regolamento (UE) 2016/679, è necessario che il DPO, diventi familiare per enti pubblici ed aziende private appartenenti allo scenario nazionale.

L’avv. Michele Iaselli, componente della Commissione di valutazione di ANORC Professioni, in un nuovo articolo pubblicato sulle pagine di Altalex, descrive con chiarezza e sistematicità le -delicate e complesse- attività che il DPO è chiamato a svolgere, quale punto di raccordo fra il titolare ed il responsabile da un lato e l’Autorità Garante dall’altro.

La versione integrale è consultabile al seguente link.

Buona lettura!

Torna su

ANORC

ANORC Associazione Nazionale per Operatori e Responsabili della Conservazione Digitale
Sede Legale: via Mario Stampacchia 21 - 73100 Lecce - P.I: 04367590751 - C.F: 09747511005 - E-mail: segreteria@anorc.it
© copyright 2016 - Tutti i diritti riservati - Note legali - Mappa del sito