• Home
  • News
  • L’odissea dei conservatori accreditati

L’odissea dei conservatori accreditati

  • di Giovanni Manca, Presidente di ANORC per Techeconomy

L’odissea dei conservatori accreditati
Lunedì, 20 Marzo 2017

L’odissea dei conservatori ha inizio il 14 settembre 2016, data della sospensione del processo di accreditamento da parte di AgID. La sospensione ha interessato sia i conservatori digitali già riconosciuti, che quelli in procinto di avviare l’iter di accreditamento ed è stata formulata dall’Agenzia sulla base del contenuto dell’articolo 29 del novellato CAD. Il legislatore ha di fatto introdotto per i soggetti intenzionati ad ottenere l’accreditamento l’obbligo di allegare, tra l’altro, una relazione di valutazione della conformità rilasciata da un organismo di valutazione accreditato da ACCREDIA, unico organismo nazionale autorizzato a svolgere attività di accreditamento (determinazione normativa derivante da un Regolamento europeo del 2008).

ACCREDIA ha dunque provveduto ad emettere, rapidamente – il 16/12/2016 – la Circolare n. 36/2016, stabilendo lo Schema di accreditamento degli Organismi di Certificazione, per il processo di certificazione dei Conservatori a Norma, secondo le disposizioni dell’Agenzia per l’Italia Digitale.

L ’iter introdotto dalla Circolare n° 36/2016, ha di fatto sostituito quello convenzionalmente basato sulla valutazione dei requisiti di qualità e sicurezza già individuati dalla Circolare AgID n. 65 del 10 aprile 2014, comportando però un aggravio del procedimento di accreditamento, tale da generare il dubbio che potessero essere violate le norme sulla concorrenza. Tra l’altro AgID ha ritenuto necessario associare queste regole anche al perfezionamento dei procedimenti di accreditamento (circa 70) già completati.

Il Presidente della nostra Associazione, l’ing. Giovanni Manca, ha affidato alle pagine di Techeconomy alcune, approfondite, riflessioni sull’iter affrontato dai conservatori digitali dalla fatidica data del 14 settembre, in poi. La versione integrale dell’articolo è consultabile al seguente link.

La lettura dell’intervento del Presidente Giovanni Manca è da ritenersi inoltre propedeutica per comprendere la portata del risultato conseguito dalla Coalizione dei Conservatori Accreditati ANORC-AIFAG, a fronte della recente pubblicazione della Circolare ACCREDIA n°5/2017.

Si ricorda che riflessioni sul tema saranno fatte il prossimo giovedì, 23 marzo, a Roma, in occasione dell’evento nazionale DIG.Eat. Iscriviti gratuitamente al seguente link.

Torna su

ANORC

ANORC Associazione Nazionale per Operatori e Responsabili della Conservazione Digitale
Sede Legale: via Mario Stampacchia 21 - 73100 Lecce - P.I: 04367590751 - C.F: 09747511005 - E-mail: segreteria@anorc.it
© copyright 2016 - Tutti i diritti riservati - Note legali - Mappa del sito