• Home
  • News
  • ANORC
  • Blockchain e validazione temporale degli Smart Contract: quali regole in Italia

Blockchain e validazione temporale degli Smart Contract: quali regole in Italia

  • di Giovanni Manca, ingegnere - Vice Presidente di ANORC

Blockchain e validazione temporale degli Smart Contract: quali regole in Italia
Mercoledì, 27 Febbraio 2019

Segnaliamo un nuovo contributo di firma dell’ing. Giovanni Manca, Vice Presidente di ANORC, edito sulle pagine di Agendadigitale.eu, a seguito della conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 14 dicembre 2018, n. 135 recante disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazioni,  pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 12 del 12 febbraio 2019.

L'ing. Manca, insieme ad altri due autori, ragionano su alcune  ipotesi realizzative di regole conformi a quelle comunitarie per strumenti e attività rilevanti per il mondo delle PA e delle imprese, quali nello specifico quelle relativa alla validazione temporale degli smart contract nell’ambito di tecnologie blockchain.  Si ricorda a tal proposito che il Regolamento di  riferimento in ambito europeo è il ben noto eIDAS , in cui la validazione temporale elettronica è definita come “dati in forma elettronica che collegano altri dati in forma elettronica a una particolare ora e data, così da provare che questi ultimi esistevano in quel momento”.

L’articolo completo è disponibile al seguente link.

Torna su

ANORC

ANORC Associazione Nazionale per Operatori e Responsabili della Conservazione Digitale
Sede Legale: via Mario Stampacchia 21 - 73100 Lecce - P.I: 04367590751 - C.F: 09747511005 - E-mail: segreteria@anorc.it
© copyright 2016 - Tutti i diritti riservati - Note legali - Mappa del sito